Coca-Cola HBC Italia, il principale imbottigliatore di prodotti a marchio The Coca-Coca Company sul territorio nazionale, ha pubblicato il Rapporto di Sostenibilità 2016 con gli obiettivi e i risultati raggiunti nelle quattro aree di impegno: ambiente, luogo di lavoro, mercato e comunità.

Nel 2016 Coca-Cola HBC Italia ha diminuito le emissioni di CO2 del 18,5% rispetto al 2015 e ha raggiunto un tasso di riciclo di rifiuti di produzione pari al 98,4%.

Anche quest’anno l’azienda è stata premiata da CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi, per le soluzioni di packaging più innovative e ecosostenibili immesse sul mercato, in particolare per la riduzione del 27% del peso del tappo della bottiglia di Coca-Cola da mezzo litro.

I risultati conseguiti hanno consentito a Coca-Cola Hellenic Bottling Company di ottenere, per il quarto anno consecutivo, la leadership europea e mondiale nel settore beverage del Dow Jones Sustainability Index, il primo indice che valuta le performance finanziarie delle compagnie mondiali che seguono principi sostenibili.

Coca-Cola HBC Italia si impegna a garantire il benessere e la sicurezza dei suoi dipendenti: l’attenzione alla crescita professionale dei collaboratori si concretizza nel vasto programma di formazione che, con più di 58.200 ore totali erogate, ha contribuito a ridurre gli infortuni del 43,9% rispetto al 2015. Il 79,82% dei lavoratori ha inoltre preso parte attiva al PM&D Cycle, un processo annuale legato alla gestione delle performance dei dipendenti che parte dall’assegnazione degli obiettivi annuali e la condivisione tra il responsabile e il collaboratore di un Piano di Sviluppo Individuale in cui si identificano le azioni da svolgersi durante l’anno, utili a sostenere la performance del dipendente.

Sono anche state introdotte nuove forme di comunicazione tra la dirigenza e lo staff: una volta al mese l’amministratore delegato incontra i dipendenti della sede di Milano a colazione, mentre negli stabilimenti il plant manager organizza incontri tra i lavoratori per condividere gli obiettivi. Queste sono alcune delle attività che hanno permesso a Coca-Cola HBC Italia di ottenere anche quest’anno la Certificazione Top Employers Italia per le eccellenti condizioni di lavoro riservate ai dipendenti.

Con oltre 2.000 dipendenti, impiegati negli uffici e nei quattro stabilimenti distribuiti sul territorio italiano, Coca-Cola rappresenta una realtà di primaria importanza nel sistema economico italiano con 813 milioni di euro generati e 60.000 persone che dipendono parzialmente o totalmente dai redditi di lavoro generati dall’azienda. L’86% dei fornitori è italiano e i nuovi fornitori hanno sottoscritto i Principi Guida per i Fornitori con cui si impegnano a garantire gli altissimi standard di qualità, rispetto dell’ambiente e dei diritti umani richiesti da Coca-Cola.

Per Coca-Cola HBC Italia essere un’azienda sostenibile significa creare valore e sviluppo all’interno delle comunità in cui opera. Per questo ha deciso di affidare la stampa del Rapporto di Sostenibilità 2016 ai ragazzi della Comunità di San Patrignano con un progetto di social printing che contribuisce a favorire il loro reinserimento nella società attraverso l’attività lavorativa.

Sempre nell’ottica di creare valore per la società nel 2016 Coca-Cola HBC Italia ha raggiunto oltre 2,9 milioni di persone con il progetto educativo per le scuole Fabbriche Aperte e ha donato 1.197 casse di prodotto alle popolazioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto del 2016.

L’impegno dell’azienda non finisce qui, ma prosegue secondo il Piano di Sostenibilità 2020 formulato a livello di Gruppo, che punta a ridurre ulteriormente l’impatto ambientale con una diminuzione a doppia cifra delle emissioni di CO2, della quantità di acqua usata per la produzione di un litro di bevanda e della quantità di materiali per l’imballaggio, continuando ad investire per il benessere della comunità, in particolare sulla tutela dell’ambiente e delle risorse idriche e sull’orientamento e la formazione dei giovani. 

Per questo è nato #YouthEmpowered, il progetto avviato per supportare i ragazzi tra i 16 e 30 anni nella conoscenza delle proprie attitudini e nell’acquisizione di competenze professionali.

#YouthEmpowered prevede una serie d'incontri di formazione in tutto il Paese, a cui partecipano i dipendenti di Coca-Cola, affiancati da persone di realtà con cui l’azienda collabora, che mettono a disposizione dei giovani le proprie competenze professionali, fornendo consigli e illustrando i percorsi di carriera all’interno delle aziende.

Un portale di e-learning (www.youthempowered.it) permette di accedere a un modulo di formazione di Life Skill, con consigli e attività interattive per comprendere meglio i propri talenti, i punti di forza e di debolezza, imparando a svilupparli e a comunicarli efficacemente in diverse situazioni, come ad esempio durante un colloquio di lavoro. Il sito include anche un secondo modulo di Business Skill, utile per il passaggio dal mondo dell’istruzione a quello del lavoro o per sviluppare una propria idea imprenditoriale.