Coca-Cola estende anche la propria iniziativa Replenish Africa Initiative per portare l'accesso all'acqua sicura a 6 milioni di persone in tutto il continente Africano entro il 2020.

The Coca-Cola Company e gli imbottigliatori partner in Africa hanno annunciato oggi un nuovo investimento di 5 miliardi di dollari durante Io U.S.- Africa Leaders Summit in corso a Washington. L'investimento, che verrà effettuato nell'arco dei prossimi sei anni, ha visto aumentare il totale previsto per l'Africa a 17 miliardi di dollari dal 2010 al 2020. L’Azienda e gli imbottigliatori prevedono che l'investimento consentirà di finanziare nuove linee di produzione, impianti di raffreddamento e distribuzione, e la produzione stessa; di creare ulteriori posti di lavoro e opportunità in tutta la filiera africana di Coca-Cola; e di supportare importanti iniziative e programmi di sostenibilità incentrati sull'accesso all'acqua sicura, le fonti sostenibili, la responsabilizzazione economica delle donne, il benessere delle comunità e miglioramenti in termini di efficienza operativa.
“Come organizzazione che fa parte del tessuto sociale ed economico dell'Africa dal 1928, noi e i nostri partner imbottigliatori abbiamo toccato con mano il potenziale di questo continente dinamico, vibrante e in pieno sviluppo", ha affermato Muhtar Kent, Presidente e Amministratore Delegato di The Coca-Cola Company. “Anche se vediamo un fortissimo potenziale di crescita in Africa, sappiamo che la forza e la sostenibilità del nostro business sono direttamente legate alla forza e sostenibilità delle comunità africane che serviamo con orgoglio”.
L’Azienda ha, inoltre, siglato una Lettera di Intenti per il lancio di Source Africa, un'iniziativa volta a garantire la fornitura di ingredienti locali in maniera costante e sostenibile per i propri prodotti in collaborazione con la New Alliance for Food Security and Nutrition and Grow Africa. Tale iniziativa sarà inizialmente incentrata sulla produzione sostenibile di mango e the in Kenya; la produzione di agrumi, mango e ananas in Nigeria; e di mango nel Malawi. Più a lungo termine, il programma potrebbe estendere il proprio campo d'azione alla produzione sostenibile di ingredienti in Etiopia, Senegal, Tanzania e Mozambico. Source Africa trae beneficio e si integra all'esperienza accumulata da Coca- Cola nel campo dell'agricoltura sostenibile, fra cui il Progetto Nurture, una partnership da 11,5 milioni di dollari che supporta 50.000 piccoli frutticoltori nell'Africa orientale per la coltivazione della frutta e il ricavare un reddito in modo sostenibile.
Kent ha aggiunto: “La nostra azienda è impegnata a creare valore e ad aiutare le nostre comunità a vincere le sfide dello sviluppo. Siamo convinti che in Africa possiamo fare di più per reperire gli ingredienti agricoli a livello locale, con un potenziale di fornitura significativo tuttora non sfruttato e sottoutilizzato. Sfruttare questo potenziale potrebbe accelerare la crescita della nostra attività e le economie emergenti africane, rendendo in tal modo la catena della fornitura più efficiente sui costi e consentendo all'Africa sub- sahariana di offrire più ingredienti ai mercati in crescita in Africa e altrove”.
Durante il Summit, Kent ha inoltre annunciato che The Coca-Cola Africa Foundation (TCCAF) intende prolungare il programma Replenish Africa Initiative (RAIN) fino al 2020 al fine di supportare i programmi di accesso e sanitizzazione dell'acqua sicura nell'area pan- africana per altri 4 milioni di persone. Questa nuova proroga va ad aggiungersi all'impegno originario di RAIN di portare l'accesso all'acqua sicura a 2 milioni di persone in tutto il continente entro il 2015.
Grazie al prolungamento del programma RAIN, la TCCAF e i propri partner pubblici e privati potranno impegnarsi per migliorare l'accesso all'acqua sicura per 6 milioni di africani; responsabilizzare economicamente fino a 250.000 donne e giovani; promuovere la salute e l'igiene in migliaia di comunità, scuole e centri sanitari; e restituire fino a 18,5 milioni di litri d'acqua per l'uso in natura e presso le comunità.
A oggi, la TCCAF ha effettuato investimenti e collaborato con oltre 140 partner per arrivare a offrire a 2 milioni di persone la possibilità di avere accesso sostenibile ad acqua sicura in almeno 37 dei 55 paesi africani entro la fine del 2015.
L’Azienda e le proprie Fondazioni restano inoltre impegnate su altri programmi, incentrati sul miglioramento del benessere delle comunità e la responsabilizzazione economica delle donne in Africa, fra cui:
  • Progetto Last Mile: Nel mese di giugno 2014, Coca-Cola, le proprie Fondazioni e i propri partner pubblici e privati hanno annunciato una estensione da 21 milioni di dollari del programma di consegna di forniture mediche ad ulteriori otto Paesi africani nei prossimi cinque anni.
  • 5by20: A oggi Coca-Cola è entrata in contatto con oltre 370.000 donne imprenditrici in 18 Paesi africani grazie alla propria iniziativa 5by20 d volta all’incremento del loro potere economico. Dal lancio del 5by20 nel 2010, più di 550.000 imprenditrici della catena del valore globale di Coca-Cola hanno migliorato il loro potere economico grazie al percorso dell'iniziativa, che porterà a contattare 5 milioni di donne entro il 2020.
  • EKOCENTER: Dal 2014 Coca-Cola ha avviato un progetto pilota di partnership pubblico-privato per supportare attività sostenibili gestite da donne imprenditrici in sei Paesi in Africa, Asia e Nord America.

Per ulteriori informazioni:
Coca-Cola Italia Cristina Broch
Tel. 02/26246225
cbroch@coca-cola.com