Lilia, la famiglia di acque minerali naturali imbottigliate da Fonti del Vulture adotta l’innovativo packaging PlantBottleTM, una bottiglia di plastica PET come sempre completamente riciclabile, fino al 30% di origine vegetale, che permette di ridurre le emissioni di anidride carbonica rispetto alle tradizionali bottiglie di plastica PET. Si inizia ad utilizzare la PlantBottleTM con le bottiglie in PET da 1,5L e 2L di Lilia Giovane e Lilia Fonte Tavina.
“La PlantBottleTM rappresenta uno sviluppo significativo per quanto riguarda l'innovazione di packaging sostenibili”, ha commentato Fabrizio Nucifora, Direttore Marketing Coca-Cola Italia. “Ha l’aspetto e le caratteristiche di una bottiglia in PET tradizionale, ma la sua impronta ecologica sul pianeta è più leggera. L’obiettivo dei prossimi anni è di utilizzare sempre di più imballaggi PlantBottle anche per i nostri altri prodotti, per arrivare, nel 2020, ad avere la PlantBottleTM per tutte le nostre bottiglie di plastica.”
La PlantBottleTM è realizzata con una combinazione di materiali tradizionali (petrolio e altri combustibili fossili utilizzati per le bottiglie in PET tradizionali) e una percentuale fino al 30% di materiali estratti da piante. Il materiale vegetale è prodotto attraverso un processo innovativo che trasforma i materiali estratti da piante in un componente chiave per la plastica PET.
Attualmente, la PlantBottleTM è prodotta con etanolo ricavato da canna da zucchero coltivata in Brasile, la prima generazione di biocombustibili che gode di un’ampia considerazione a livello globale da parte dei massimi esperti, per il suo impatto unico in materia ambientale e sociale. Per la canna da zucchero brasiliana vengono utilizzati efficienti processi di coltivazione, in cui l’acqua per l’irrigazione proviene prevalentemente dalla pioggia e i raccolti sono effettuati con mezzi meccanici. Le piantagioni da cui provengono i materiali per le PlantBottleTM sono lontani dalle foreste pluviali dell'Amazzonia, e il loro impatto sulla biodiversità è più basso grazie a buone pratiche agricole e a una politica pubblica rigorosa.
A differenza di altre materie plastiche di origine vegetale, PlantBottleTM può essere processata in impianti di riciclaggio esistenti, senza contaminare il PET tradizionale. Quindi il materiale della PlantBottleTM può essere usato, riciclato e riutilizzato più e più volte. A partire dal lancio avvenuto nel 2009, The Coca-Cola Company ha distribuito oltre 20 miliardi di PlantBottleTM in 31 Paesi, con un risparmio di oltre 445,000 barili di petrolio. L’azienda ha l'obiettivo di utilizzare imballaggi PlantBottleTM per tutte le bottiglie di plastica entro il 2020.
Le acque Lilia hanno ridotto gradualmente il peso delle proprie bottiglie, che richiedono meno plastica e quindi aiutano a preservare le risorse naturali e ridurre le emissioni di CO2. Infatti, nel corso degli ultimi 7 anni, il peso delle bottiglie da 2L è stato ridotto di 12 grammi, risparmiando più di 500 tonnellate di plastica all’anno. PlantBottleTM è dunque un ulteriore passo avanti in questo impegno, nella strada verso un futuro in cui ogni bottiglia di plastica sia composta da materiali 100% rinnovabili e riciclabili.
The Coca-Cola Company è da sempre all’avanguardia per quanto riguarda il packaging sostenibile. È stata la prima azienda a introdurre bottiglie fatte con plastica riciclata, e ha investito in infrastrutture di riciclaggio per garantire che i propri imballaggi siano raccolti, riciclati e riutilizzati. Il fine ultimo è quello di riuscire a produrre imballaggi realmente e completamente sostenibili per i consumatori.
Per saperne di più su PlantBottleTM e sulle iniziative e obiettivi di sostenibilità di The Coca-Cola Company:
http://www.acquelilia.it/Lilia/index.html http://www.coca-colacompany.com/our-company/introducing-plantbottle
###
Fonti del Vulture
Fonti del Vulture storica azienda imbottigliatrice di acque minerali, fondata nel 1896 è fortemente radicata al territorio lucano, articolata sui due stabilimenti di Rionero (PZ) – dove si producono i marchi Lilia, Lilia Frizzante, Sveva, – e di Monticchio (PZ) – da cui escono le acque Toka e Solaria. L’azienda presenta oggi caratteristiche di alto livello tecnologico in ogni passaggio – dalla protezione del bacino minerario , alla captazione delle sorgenti, all’imbottigliamento – tanto più cruciali in un’attività in cui preservare naturalità e purezza del prodotto è il risultato migliore e più impegnativo da raggiungere.