Il lobbying è quello strumento di rappresentanza e partecipazione alla decisione politica con il quale i gruppi, le organizzazioni e i singoli individui, legati tra loro da interessi comuni, esercitano un’influenza sulle istituzioni politiche affinché la propria voce venga ascoltata.

Nonostante la percezione negativa che accompagna l’utilizzo di questo termine, è grazie all’attività di lobbying che organizzazioni di categoria, associazioni di rappresentanza, movimenti di cittadini e aziende possono rappresentare legittimamente i propri interessi e partecipare alle decisioni delle istituzioni.

Il lobbying è solo una delle tante vie con cui si svolge il dibattito politico. L’advocacy ha l’obiettivo di mettere in campo azioni e iniziative per difendere, sostenere o consolidare l’interesse di un’organizzazione sia essa economica o sociale (come ad esempio una ONG), creando aggregazioni anche di categorie molto diverse.

Lobbying e advocacy negli ultimi anni sono diventati sempre più importanti: infatti l’arena decisionale si è ampliata, diventando più complessa e competitiva. Una prima causa di tale evoluzione è rappresentata dalla “disintermediazione” della società, che ha causato la moltiplicazione degli attori, sia dal punto di vista dei gruppi di interesse che chiedono di partecipare alla decisione, sia per quanto riguarda le maggioranze silenziose che assistono al processo.

Come azienda, abbiamo a che fare quotidianamente con un grande numero di strutture complesse, sia pubbliche che private, e partecipiamo anche noi alla vita pubblica.

Riteniamo nostro dovere e nostra responsabilità apportare il nostro contributo e le nostre conoscenze e rendere chiari i nostri punti di vista a coloro che hanno il potenziale di influenzare le leggi, i regolamenti e le politiche che possono avere ricadute sul nostro business. Agiamo responsabilmente in tutte le nostre attività pubbliche, nel totale rispetto delle leggi in vigore, e con la massima trasparenza.