DAVOS, Svizzera –  I leader internazionali si sono dati appuntamento al Meeting annuale del World Economic Forum per parlare di un argomento in rapida evoluzione: in che modo le continue innovazioni tecnologiche e i punti di vista delle varie generazioni stanno influendo sulle prospettive future del pianeta.

I dirigenti di The Coca-Cola Company hanno preso parte ai dibattiti partecipando a una serie di eventi, tra i quali molti con la Global Shapers Community del World Economic Forum. I Global Shapers – che formano un network di giovani leader di età compresa tra i 20 e i 30 anni, in oltre 400 città – hanno portato la prospettiva dei Millennials (i giovani nati negli anni Duemila) a un evento dove sono sempre state predominanti le generazioni più anziane.

Un gruppo di una cinquantina di loro si è unita alla delegazione a Davos di The Coca-Cola Company per prendere parte a un pranzo speciale durante il quale Yawa Hansen-Quao, Shaper del Ghana, ha moderato una conversazione con il presidente e Ceo di The Coca-Cola Company Muhtar Kent, il sindaco di Parigi Anne Hidalgo e Luis Alberto Moreno, presidente della Banca Interamericana di Sviluppo. Insieme hanno affrontato il tema di come i giovani possano fare una differenza sostanziale nel mondo, da una città a un’altra.

Kent ha raccontato di aver preso parte ai colloqui di Davos ininterrottamente dal 1989, ma che il summit è “nettamente migliorato” quattro anni fa, quando sono stati inclusi proprio i Global Shapers.

Quando vi ascolto, mi sento ispirato dalle vostre parole” ha detto. “E quando prendete parte a un gruppo di lavoro o di studio, impariamo tutti qualcosa di nuovo. Dobbiamo continuare ad apprendere e a crescere, e proprio per questo è di enorme importanza continuare ad ascoltarvi”.

Durante il pranzo, Bea Perez, Chief Sustainability Officer, ha annunciato i vincitori di quest’anno del “Shaping a Better Future Challenge” di The Coca-Cola Company, che offre finanziamenti ai progetti più innovativi dei Global Shapers di tutto il mondo. Quest’anno il primo premio, che consiste in 20mila dollari, è stato assegnato all’hub nepalese di Kathmandu per l’impegno profuso nel ripristino delle strutture per l’assistenza sanitaria dopo il devastante terremoto del 2015. A Kathmandu questa sovvenzione sarà utilizzata per installare nuove attrezzature mediche, formare personale medico, varare in tutta la regione programmi istruttivi comunitari riguardanti l’acqua pulita e il trattamento delle acque reflue. Sono stati premiati anche i programmi di Colombia, India, Palestina e Svizzera, ai quali sono andati 10mila dollari ciascuno. 

I vertici di The Coca-Cola Company hanno parlato anche di priorità cruciali in tema di sostenibilità, per esempio la gestione delle risorse idriche, gestione delle risorse idriche il conferimento di poteri alle donne, e il benessere in generale.

Durante una discussione del gruppo di lavoro intitolata “Il sogno del 21esimo Secolo” Kent ha detto che “il suo sogno per il 21esimo secolo” è raggiungere gli obiettivi di sostenibilità dell’azienda in favore del potenziamento delle comunità di tutto il pianeta. Ha detto anche che la tecnologia in così rapida evoluzione potrà fare da ponte e colmare il grande divario in fatto di inclusività sociale ed economica, con un considerevole impatto sul tessuto sociale delle comunità di tutto il mondo.

world economic forum 2016

Perez, nel frattempo, ha avuto un ruolo molto attivo nei dibattiti riguardo all’emancipazione delle donne e all’ambiente, mentre il Presidente di The Coca-Cola Company e COO James Quincey si è unito al Global Fund per  annunciare l’espansione del “Progetto Ultimo Miglio” di The Coca-Cola Company ad altri paesi africani, e insieme alla Rockfeller Foundation ha lanciato "YieldWise", una nuova iniziativa finalizzata a eliminare gli sprechi alimentari in tutto il pianeta, ivi compresa la filiera della Coca-Cola.