Le parole dello slogan “Migliorare il futuro della Tunisia” non sono mai state più persuasive di quando vediamo come il loro significato costituisca l’incentivo naturale di Kyane Kassiri, titolare di borsa di studio del programma MENA di The Coca-Cola Company. Insieme ad altri tre ex allievi dei programmi del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, appassionati di programmazione informatica e di digital learning come lui, Kassiri ha lanciato la Young Tunisian Coders Academy (YTCA). Come programma di codifica per la formazione, YTCA utilizza Scratch, un linguaggio di programmazione open-source, per aiutare i ragazzini tra i 10 e i 15 anni a programmare le proprie storie interattive, i giochi e le animazioni. Scratch contribuisce anche a migliorare la creatività e il lavoro di gruppo e incrementare le capacità logiche.

Col sostegno del Fondo per l’impegno e l’innovazione degli ex alunni del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti (Aeif, Alumni Engagement and Innovation Fund), il sempre più folto team di YTCA ha insegnato a 500 studenti di 23 governatorati della Tunisia su 24 la codifica, concentrandosi sugli studenti che hanno un accesso limitato alla tecnologia.

La classe del 2013 di borsisti del Programma MENA di The Coca-Cola Company di fronte alla Casa Bianca a Washington D.C.

Dove tutto ha avuto inizio

Kassiri ha preso parte al Programma di borse di studio di The Coca-Cola Company per il Medio Oriente e l’Africa del Nord (Middle East and North Africa, MENA) che in estate porta un centinaio di studenti di quelle regioni negli Stati Uniti affinché frequentino un corso in imprenditoria presso l’Università dell’Indiana. Arrivato ormai al quinto anno, il programma ha avuto una notevole influenza su oltre 500 giovani, esponenti di talento delle loro comunità, destinati a far parte di una rete in espansione di protagonisti attivi del cambiamento.

“Negli Stati Uniti abbiamo acquisito molte competenze e, una volta tornati a casa, abbiamo voluto metterle subito in pratica” ha detto Kassiri.

Kyane Kassiri assiste un giovane studente che sta imparando i programmi di codifica.

Come educare la nuova generazione di leader tunisini

Dopo il successo registrato da YTCA nelle gare nazionali di Tunisi, Kassiri e la sua squadra stanno pensando di espandere la loro attività con i Coder Summer Camps, i campi estivi per giovani autori di programmi.

“La nostra missione consiste nel dare ai ragazzi fin dalla più tenera età le conoscenze necessarie in fatto di codifica a renderli attori di primo piano della nuova rivoluzione tecnologica in Tunisia e in tutto il mondo” ha detto.

Il team di YTCA è convinto che i giovani debbano essere preparati ad acquisire nuove competenze. Esponendoli alla codifica e al ragionamento algoritmico che gli sta dietro, YTCA crede di poter dilatare i loro orizzonti e utilizzare il potenziale creativo degli studenti, preparandoli meglio a diventare cittadini attivi, impegnati e globali che contribuiranno allo sviluppo della Tunisia.

Kassiri insegna in una classe della Young Tunisian Coders Academy.

Riconoscimento e la strada da seguire

Il governo tunisino sta seguendo da vicino questa organizzazione guidata da giovani e parecchie altre iniziative che stanno nascendo nel paese. Il Ministro delle tecnologie della comunicazione e dell’economia digitale di recente ha invitato Kassiri a un incontro con ministri, deputati, investitori e imprenditori. Obbiettivo di questa conferenza è stato elaborare i punti di discussione di un nuovo progetto di legge introdotto da DigiStartup, una nuova taskforce di imprenditori tunisini. 

Il progetto di legge tiene conto delle raccomandazioni da parte dell’ecosistema degli imprenditori tunisini rivolti al governo per semplificare il processo di creazione e sviluppo delle startup. Kassiri è stato invitato a parlare della sua attività di imprenditore mentre ancora completa gli studi.

Kassiri è uno di molti giovani tunisini carismatici e di talento che stanno iniziando a riconfigurare l’ecosistema imprenditoriale nel suo paese.

 “Questo è soltanto l’inizio” ha concluso. “Noi aspiriamo a fondare una delle scuole di programmazione più influenti nella regione. Voglio diventare la prova vivente del fatto che con dedizione, duro lavoro e tanta passione ce la si può fare”.