In Coca-Cola Company continuiamo a espanderci come Total Beverage Company. Questo significa che vendiamo Coca-Cola, naturalmente, ma anche molto di più. E ora abbiamo fatto un ulteriore passo avanti per diventare ciò a cui aspiriamo a essere.

The Coca-Cola Company ha raggiunto un accordo per acquistare Costa Limited, azienda con sede nel Regno Unito e attiva in buona parte di Europa, Africa, Medio Oriente e Asia/Pacifico. Prevediamo, fatto salvo il rispetto delle consuete condizioni di stipula del contratto, che la transazione si concluderà nella prima metà del 2019. 

 

Perché Costa? E perché adesso? 

Iniziamo dalla domanda più banale: perché adesso? Perché il caffè ci aiuterà a entrare nel segmento delle bevande calde. Con un ritmo di crescita del 6%, il caffè è tra i settori a più rapida espansione nel mondo. Si tratta, inoltre, di una categoria merceologica che implica diversi elementi, dalla vendita con i distributori automatici e nelle caffetterie, alla fase di tostatura e macinatura al caffè, fino a cialde e capsule.

In breve, il caffè è un grande business che include diversi aspetti. E per lo stesso motivo è altamente frammentato. Non esiste una sola azienda al mondo con una solida posizione in tutte le fasi di lavorazione e vendita di caffè. Lo stesso discorso vale per Coca-Cola. Abbiamo brand molto forti in questo comparto, come la linea di caffè ready-to-drink Georgia, in Giappone, ma non abbiamo un grande assortimento in questo segmento a livello globale.

Con una tale crescita del segmento caffè e bevande calde, è più importante che mai che The Coca-Cola Company investa in maniera seria e significativa in questo settore. Questo ci consentirà di offrire ai nostri consumatori una scelta ancora più ampia di bevande.

E quindi, perché proprio Costa? Perché Costa rappresenta l’integrazione perfetta di una struttura globale nell’assetto attuale di Coca-Cola.

Permettetemi di chiarire perché uso la parola “struttura” e non “brand”. Struttura significa che Costa non è una cosa sola. Non è solo un brand. Non è solo vendita al dettaglio. Non è solo distributori automatici. Non si occupa solo di tostare caffè.

Una struttura è tutte queste cose insieme e altro ancora. Costa è di fatto una piattaforma con un’eccellente catena di fornitori di caffè, una torrefazione di livello mondiale, una presenza capillare di caffetterie e distributori automatici. Costa ha diversi punti di forza in molti Paesi e in molti canali chiave di distribuzione.

E poi sì, è un ottimo brand. So che molte persone non hanno familiarità con il brand Costa, soprattutto se abitano in Nord America e in America Latina, dove Costa non è presente. Eppure, Costa ha un forte retaggio, in particolare nel mercato d’origine, il Regno Unito, dove è l’azienda leader nel segmento caffè.

Acquistando Costa, The Coca-Cola Company entrerà in diversi punti vendita localizzati in diverse aree del mondo.

Ci sono un paio di punti forti. Le caffetterie sono essenziali per le vendite, naturalmente, ma hanno anche una funzione importantissima nella costruzione di un brand, così che questo possa riscuotere ancora più successo al di fuori delle mura dei negozi, come nel settore delle vending machine.

Costa possiede un sistema denominato Costa Express che si basa sul caffè espresso fresco. Al momento esistono oltre ottomila distributori automatici di Costa Express. Noi vediamo grandi opportunità nell’espansione di questo sistema nei canali di consumo e acquisto diretto del prodotto.

Costa ha caffè in chicchi e caffè macinato per i ristoranti e le caffetterie. The Coca-Cola Company ha una presenza molto forte in molteplici canali e c’è un grande potenziale di espansione di vendita di queste soluzioni di caffè Costa ai nostri.

Infine, Costa offre grandi opportunità nelle bevande ready-to-drink. Coca-Cola ha già nel suo portfolio in vari mercati il caffè imbottigliato e in lattina– si pensi, per esempio al caffè Georgia in Giappone. Il brand Costa offre il potenziale di una notevole espansione nel caffè ready-to-drink a livello mondiale.

Insomma, The Coca-Cola Company e Costa hanno attività fortemente complementari e un’affinità particolare. Costa offre a The Coca-Cola Company le occasioni migliori per creare valore nel settore caffè. Insieme potremo fare molto meglio.

Questa non è un’acquisizione fatta per tentare di risparmiare in alcune delle nostre attività, ma perché vogliamo espandere il nostro business e la presenza in questo segmento di mercato. 


 

É fondamentale che Costa resti Costa. Noi gestiremo Costa con il nostro modello di successo, connesso ma non integrato, nell’ambito di The Coca-Cola Company. Costa è un business completamente differente e vogliamo che i dipendenti attuali di Costa – dai dirigenti nel Regno Unito fino ai baristi dei vari punti vendita in tutto il mondo – siano certi che li rispettiamo e che ne apprezziamo il valore.

Questi sono tempi di cambiamenti incredibilmente rapidi nel nostro settore. Sono entusiasta di Costa, perché potrà aiutare The Coca-Cola Company a diventare ancora migliore. Insieme, The Coca-Cola Company e Costa faranno un grande passo avanti in direzione della Total Beverage Company.

James Quincey è presidente e CEO di The Coca-Cola Company.

 

 

Dichiarazioni a carattere previsionale

Questo documento può contenere dichiarazioni, stime o proiezioni che costituiscono “dichiarazioni a carattere previsionale” così come definite in base alle normative federali statunitensi che regolamentano i titoli. Vari rischi, incertezze ed altri fattori, noti o meno, potrebbero generare differenze materiali tra gli effettivi risultati futuri, la situazione finanziaria, lo sviluppo o la performance dell'azienda da una parte e le stime qui fornite dall'altra. L'azienda non si assume alcuna responsabilità per quanto attiene l'aggiornamento di queste dichiarazioni previsionali o il loro eventuale adeguamento ad eventi o sviluppi futuri.