Nel sesto episodio della web serie di Coca-Cola “Il Gusto a Tavola” avete visto come realizzare un pranzo alla svelta senza rinunciare alla bontà. Giorgia di Sabatino, l’autrice del blog CookTheLook - Ricette di moda per squattrinate senza tempo, ha preparato “Erre in insalata” (AGGIUNGERE LINK), un piatto con ingredienti che iniziano con la R di rapido, un mix di verdure impreziosito da palline di ricotta e rucola e rigatino. “Non è la classica insalata, ma un piatto ricchissimo che, oltre alla parte vegetale, contiene una parte proteica rappresentata dal formaggio e dal rigatino. È un piatto per la pausa pranzo che fa scena ma si prepara in pochi minuti” racconta Giorgia, sottolineando quanto si è appassionata a giocare con le lettere e la cucina: “Quando devo elaborare delle idee, mi diverto da matti, quindi alcune ricette sono nate in un attimo, mentre per altre mi sono confrontata con le mie follower; per esempio il rigatino me l’ha suggerito una di loro”.

Quando hai cominciato a cucinare?

All’università sono andata a vivere da sola e dovevo inventarmi qualcosa per sopravvivere… Preparavo le tipiche cose da universitari, come le insalate con il tonno, poi piano piano mi sono appassionata e ho iniziato a cucinare per i miei amici.

Come è nato il blog?

Dopo la laurea in Giurisprudenza a Milano e un lavoro a MTV come producer, sono tornata in Abruzzo per amore. Ho aperto il blog nel 2011, perché mi piaceva cucinare e scrivere. All’inizio non pensavo che sarebbe diventato il mio lavoro! Tra l’altro era il periodo in cui ero incinta e dovevo stare a riposo, così potevo solo cucinare e scrivere. Quando è nato mio figlio, mentre dormiva, cucinavo e scrivevo. Adesso ha sei anni ed è un ottimo aiutante!

Qual è la filosofia del blog?

Scrivo ricette per donne normali, donne multitasking che hanno poco tempo per cucinare e devono far quadrare i conti. Donne come me. Non sono la tipica mamma perfetta che dà al figlio solo torte fatte in casa! Mio figlio è libero di provare e assaggiare tutto quello che attira la sua curiosità, ovviamente senza mangiare patatine dal mattino alla sera!

Cosa consigli a chi vuole proporre una cucina sana, veloce e low cost?

Il primo consiglio è usare ingredienti di stagione: frutta e verdura non mancano mai in casa mia. Le verdure si possono mangiare anche crude, così risparmio il tempo della cottura, per esempio le zucchine crude sono ottime. Poi preferisco usare pochi ingredienti, come mostro anche nella rubrica #checivuole? sul mio canale YouTube. Non amo le ricette lunghe con elenchi infiniti di ingredienti introvabili! Inoltre non abbondo nei condimenti, friggo raramente e prediligo le cotture al forno e a vapore.

Come definiresti la tua cucina?

Semplice, veloce, alla portata di tutti oppure semplicemente buona, che è il titolo del mio libro!

Che cosa ti piace della cucina e dello stare a tavola?

Adoro invitare gli amici a cena, vederli mangiare di gusto, sentire commenti e suggerimenti, vivere il cibo con serenità. Per questo a tavola sono banditi cellulari e televisione!

Il tuo blog non parla solo di ricette, ma anche della tua vita...

Avendo aperto il blog mentre ero in gravidanza, mi è venuto spontaneo, fin dall’inizio, raccontare la crescita di mio figlio e la mia evoluzione come mamma, moglie e donna. Mi racconto come una persona normalissima con i suoi problemi quotidiani, quindi spesso condivido le mie riflessioni con le lettrici, che partecipano con entusiasmo.

Hai un rapporto molto stretto con i tuoi lettori?

Io sono molto social, quindi quando posto una ricetta o una videoricetta, ricevo subito molti commenti. Rispondo sempre a tutti, positivi e negativi. Ci sono follower più affezionati di altri che commentano ogni ricetta e mi scrivono anche in privato. Nascono amicizie virtuali. Mi piace molto interagire.

Dove trovi ispirazione?

Sul web. Studio molto. Leggo le ricette e le archivio sul mio computer, poi le ripropongo con alcuni cambiamenti, secondo il mio gusto. Amo le colazioni e le ricette per i bambini. A volte mi capita di rifare ricette di famiglia e di chiedere consigli alle amiche. Anche le stesse lettrici mi suggeriscono delle ricette: quando hanno pochi ingredienti le provo subito.

Come è stata l’esperienza sul set? Per te non era la prima volta davanti alla telecamera...

Quando sono arrivata sul set di Coca-Cola, mi sembrava di essere in un film: scenografia, cameramen, trucco e parrucco… Ero gasatissima! La cosa più difficile è stata bere Coca-Cola come un’attrice, con la giusta inclinazione del collo, ma grazie ai consigli dello staff ci sono riuscita. E mi sono divertita tantissimo. Sicuramente le esperienze precedenti mi hanno aiutata a recitare la mia parte senza impappinarmi troppe volte.

All'inizio ero molto timida e non volevo apparire, quindi il lavoro dietro le quinte era l'ideale. Poi ho partecipato a un programma di cucina su una tv locale di Teramo e mi sono sbloccata. Da un giorno all’altro. Ho capito che stare davanti alla telecamera mi piaceva tantissimo e sono diventata spigliatissima. Questo mi ha permesso di essere presa come tutor di ricette semplici nel programma di RaiDue DettoFatto. 

Cosa ha rappresentato per te lavorare con Coca-Cola?

Quando Coca-Cola mi ha fatto la proposta, non ci credevo. Per me era inarrivabile.

Coca-Cola significa momenti belli e importanti, convivialità e feste, come i compleanni e il Natale: ogni anno non vedo l’ora di vedere la pubblicità natalizia di Coca-Cola! Ma Coca-Cola significa anche grandi eventi come i Mondiali e gli Europei di calcio, le Olimpiadi.

La partecipazione a questo progetto mi ha fatto scoprire come Coca-Cola possa essere abbinata alla cucina, infatti non credevo che potesse sposarsi tanto bene con certi ingredienti, in particolare con le verdure, ma mi sbagliavo. Quando l'ho abbinata con la mia insalata ricca mi sono ricreduta. Con i medaglioni di melanzane al forno e con lo strudel salato, invece, non avevo alcun dubbio!