Il modo di raccontare le persone e le storie di diversity nei media italiani ci dice qualcosa del livello di inclusione della società”. Con queste parole Francesca Vecchioni, fondatrice e presidente di Diversity, ha introdotto ieri i dati relativi al Diversity Media Report 2018 a Palazzo Marino.

La presentazione della ricerca, condotta da Diversity con l’Osservatorio di Pavia e un pool di università italiane, è stato il momento per annunciare le nomination per i Diversity Media Awards 2018, i premi per i migliori contenuti media su tematiche legate alla Diversity, che saranno assegnati il prossimo 23 maggio.

Coca-Cola, già riconosciuta come Brand più Inclusivo al Diversity Brand Award, concorrerà nella categoria migliore pubblicità con lo spot Pool Boy.

Le votazioni per scegliere quali contenuti media e quali personaggi si sono particolarmente distinti nel corso dell’anno, per aver dato evidenza di una particolare sensibilità nel trattare argomenti connessi all’ambito della diversità, saranno aperte fino al 20 maggio sul sito del Diversity Lab nell’area dedicata, disponibile al link:  www.diversitylab.it/voting.

Gli utenti potranno indicare le loro preferenze nelle categorie miglior film, migliore serie tv italiana, miglior serie tv straniera, miglior programma tv, miglior programma radio, migliore pubblicità, personaggio dell’anno e miglior influencer. Particolare peso sarà dato alle scelte del pubblico under 25 che potrà assegnare il premio Media Young.

Nel corso dell’ultimo anno gli organi di informazione italiana, così come i programmi di intrattenimento, hanno dedicato maggiore spazio a tematiche LGBTI e di Diversity in maniera allargata, perché si tratta di tematiche di maggiore rilevanza per il pubblico: “Chi crea contenuti mediatici contribuisce a promuovere una cultura più inclusiva” ha sottolineato Francesca Vecchioni, rimarcando quanto l’inclusione sia un tema di interesse per la società civile e politica.

La presentazione del Diversity Media Report 2018 di ieri a Palazzo Marino è stata occasione per le istituzioni di confermare il sostegno alle iniziative delle associazioni LGBTI della comunità locale: “Milano – ha dichiarato Giuseppe Sala, Sindaco di Milano –  non farà nessun passo indietro sul tema dei diritti civili, semmai saranno solo passi avanti”.

Il Comune di Milano ha confermato anche per il 2018 il patrocinio del Pride che si terrà a Milano alla fine del mese di giugno, con un “convinto sostegno alla manifestazione”, ha concluso Sala.