Le donne guidano il 4% delle aziende della Fortune 500, la lista delle maggiori società stilata ogni anno dalla rivista Fortune, così come donna è il 14% dei dirigenti e il 17% dei membri del consiglio d’amministrazione. Solo l’8% dei redditi più alti è detenuto dal sesso femminile. Eppure il 70% degli acquisti domestici globali è influenzato dalle donne che rappresentano il 50% della popolazione mondiale e più del 40% della forza lavoro globale.

L’importanza delle donne nella società e nell’economia è ampiamente provata, ma la presenza femminile nei ruoli decisionali è ancora ridotta.

L’idea della donna solo mamma o prevalentemente mamma è dura a morire. E allora cosa possono fare i governi e le imprese per agevolare le donne che desiderano e meritano una carriera, ma non vogliono rinunciare alla famiglia?

Ricerche, progetti e buone pratiche sono al centro del convegno “Stati generali della conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale”, che si tiene oggi e domani a Milano e vede l’intervento di docenti e ricercatori universitari, esponenti del mondo aziendale e della pubblica amministrazione.

Sandra Mori, General Counsel Coca-Cola Europe
Sandra Mori, General Counsel Europe di Coca-Cola 


Tra i relatori Sandra Mori, General Counsel Coca-Cola Europe, che ha posto l’accento sulla valorizzazione delle donne nel lavoro, condividendo alcune iniziative di Coca-Cola: “Per crescere in maniera sostenibile e vincere sul mercato, dobbiamo assumere i talenti migliori e portare avanti strategie di crescita e di produttività. Conquistare con i nostri marchi una base di consumatori sempre più diversificata richiede il contributo di donne dalle grandi capacità ai livelli più alti dell'organizzazione, così come un piano per far crescere e sfruttare il loro talento”.

Un passo decisivo in questa direzione è stata la nascita, nel 2008, del Women's Leadership Council, un progetto condotto da 17 dirigenti donne che ha lo scopo di favorire l’affermazione femminile in ruoli di crescente responsabilità e influenza, indicando il disegno globale e le singole iniziative.

Obiettivo di Coca-Cola è avere, entro il 2020, un organico diviso equamente tra uomini e donne a tutti i livelli, attraverso una strategia che punta sulla ricerca, lo sviluppo e la valorizzazione del personale femminile.

Ma non solo. Con l’iniziativa 5by20, The Coca-Cola Company è impegnata, fino al 2020, a sostenere la crescita economica di 5 milioni di donne imprenditrici in tutto il mondo lungo tutta la catena di valore della società.

La promozione del talento femminile ha rappresentato un esempio per altri progetti inclusivi diretti al benessere di tutti i dipendenti. Per Coca-Cola la conciliazione è aperta a tutte le categorie, attraverso diverse iniziative: dall’assicurazione sanitaria al work from home.