Il tradizionale pic-nic di Pasquetta è l’occasione per unire i festeggiamenti pasquali all’arrivo della primavera. I più fortunati possono andare al mare o in montagna, ma anche chi resta in città o si concede una gita fuori porta può scegliere tra numerosi parchi e brevi passeggiate.

Nel menu del pic-nic del lunedì non possono mancare le torte salate, soprattutto le ricette della tradizione come la torta pasqualina, ricetta regionale ligure, o il pasticcio di Pasqua dalla Basilicata.

Dopo la torta al formaggio valdostana e le scarcelle pugliesi, torna su Journey l’appuntamento con le ricette della tradizione pasquale, interpretate da Agrodolce.it, che trovate sul retro delle etichette delle bottiglie in PET di Coca-Cola e sul sito Coca-Cola.Agrodolce.it.

Torta pasqualina

Ricetta della cucina regionale ligure, la torta pasqualina è una torta salata con ripieno di bietole, uova e prescinseua, una cagliata tipica della zona. Questo piatto ha origini antichissime, risalenti al XV secolo, e con il tempo è diventato un vero classico della Pasqua, diffuso in tutta Italia, che vanta numerose varianti, spesso più veloci.

Nella ricetta originale ci sono 33 strati di pasta da sovrapporre, come gli anni di Gesù Cristo, ma ora se ne possono usare molti meno. Inoltre la prescinseua, difficile da trovare nel resto d’Italia, è stata sostituita con la ricotta. Da non dimenticare la tipica forma a cupola. Per realizzarla inserite una cannuccia nel bordo della pasta e soffiate lentamente aria all’interno. Dopo aver estratto la cannuccia, sigillate immediatamente il bordo così da non fare fuoriuscire l’aria. Questa torta si può mangiare calda o fredda, quindi è l’ideale per un pic-nic.

Ingredienti per 4 persone

Farina 660 g

Acqua 330 ml

Olio extravergine di oliva 20 g

Bietole o bieta 660 g

Cipolle 1/2

Ricotta 270 g

Parmigiano grattugiato 55 g

Uova 4

Maggiorana q.b.

Sale q.b.

Mescolate farina, acqua e olio. Dividete l'impasto in 10 pezzi e fate riposare 1 ora. Nel frattempo lavate e pulite le bietole. Poi tagliatele tenendo le parti più tenere. Fate soffriggere la cipolla tritata con l'olio. Aggiungete le bietole e il sale e lasciate cuocere. Amalgamate ricotta, parmigiano, maggiorana tritata, sale e pepe.

Prendete il panetto di pasta e stendete 10 sfoglie sottili. Ungete una teglia e foderatela con una sfoglia, proseguite con le altre 4 ungendo ogni strato. Farcite con le bietole e la ricotta.

Con un cucchiaio ricavate sei incavi e in ognuno disponete un uovo crudo. Coprite sovrapponendo le sfoglie rimaste ricordandovi di ungerle a ogni strato. Con una cannuccia gonfiate la superficie. Richiudete il foro. Cuocete a 170°C per 40 min.

Pasticcio di Pasqua

pasticcio di pasqua della basilicata
Il pasticcio di Pasqua della Basilicata realizzato da Agrodolce.it

Il pasticcio di Pasqua è una torta salata farcita con uova sode, salame, ricotta e toma, dalla pasta particolarmente friabile per la presenza dello strutto. Il pasticcio è una ricetta tradizionale della Basilicata originaria della città di Pietrapertosa, in provincia di Potenza. Se le uova che usate per la pasta non fossero molto grandi, aggiungete uno o due cucchiai d’acqua all’impasto. Ricca e golosa, questa ricetta è molto facile e rapida, quindi è l’ideale per il pranzo di Pasquetta. Preparate la torta in anticipo e, se possibile, scaldatela prima di servirla. 

Ingredienti per 4 persone

Farina 350 g

Uova 7

Strutto 100 g

Ricotta 260 g

Formaggio Toma 260 g

Pecorino grattugiato 7g

Salame 65 g

Tuorlo 1

Sale q.b.

Pepe q.b.

Impastate la farina con lo strutto e 2 uova fino a ottenere una consistenza omogenea e lasciate riposare. Sbattete 3 uova, poi aggiungete ricotta, pecorino, sale e pepe.

Preparate le rimanenti uova sode, cuocendole in acqua bollente, sgusciatele e tagliatele a fette.

Foderate una teglia. Dividete la pasta in due parti e stendete ogni parte con uno spessore di 3 mm. Versate il composto di ricotta e sistemate le uova sode, poi fate uno strato di salame e uno di toma. Con la pasta restante fate la copertura sigillando attentamente i bordi e bucando la superficie con una forchetta. Spennellate con il tuorlo e cuocete a 200°C per 25 min.


Leggi qui le ricette di Valle d'Aosta e Puglia

Leggi qui le ricette di Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige

Leggi qui le ricette di Abruzzo e Umbria

Leggi qui le ricette di Piemonte e Marche