DIDA: “Ho scoperto il mio mondo interiore grazie a My Sister Project. Ho individuato un’altra Hülya dentro di me, e l’ho trovata. Avevo dentro un mondo intero e questo progetto mi ha aiutato a portarlo allo scoperto…”.

Hülya Türkaslan ha 24 anni ed è una delle quasi mille donne che riconoscono al progetto “My Sister” il merito di aver cambiato loro la vita. È stata coinvolta dal progetto perché stava incontrando difficoltà a trovare la strada giusta per realizzare i suoi sogni dopo essersi laureata all’Università di Ardahan. E il progetto l’ha aiutata a trovare ed espandere la sua autostima.

“Dietro ogni donna di successo ci deve essere lei stessa” dice Hülya (nella foto qui sopra), e aggiunge che adesso sa pianificare meglio per un futuro migliore. “Sorriderò sempre e sentirò sempre palpitare il mio cuore. Ho imparato a osservare il cielo, a essere pienamente consapevole dei passi che faccio, a sentirmi viva. E da adesso in poi mi conoscerò anche meglio”.

Il Progetto My Sister, che ha fatto una differenza considerevole nella vita di Hülya e di molte altre donne come lei, rientra nell’iniziativa 5By20 lanciata da The Coca-Cola Company con l’obbiettivo di conferire potere economico a cinque milioni di imprenditrici entro il 2020. My Sister, al quale possono accedere tutte le donne istruite in Turchia tra i 18 e i 55 anni, è un progetto che offre formazione mirata per aiutare le donne a migliorare le loro vite individuali e sociali, crescendo, sviluppandosi e diventando competitive. Il progetto, realizzato da The Coca-Cola Company in collaborazione con i governi locali e il Centro di istruzione permanente dell’università di Boğaziçi nelle province di Kayseri, Malatya, Gaziantep, Trabzon, İzmir, Adana e Sakarya, offre quindi istruzione e aiuto per lo sviluppo delle competenze personali, formazione in comunicazione e terminologia finanziaria di base, social media e codice etico professionale.

Il Progetto My Sister ha visto coinvolte finora circa mille donne di background completamente diversi, comprese casalinghe, ingegneri, imprenditrici e studentesse universitarie.

Ömür Karabay appartiene alla schiera delle centinaia di donne che inseguono e vogliono realizzare i propri sogni. Ha scoperto il My Sister Project dopo aver deciso di trasformare il suo hobby - la fotografia - in una carriera professionale e dopo aver svolto ricerche in ambito imprenditoriale. “Nel mio lavoro, i sensi devono essere sempre all’erta. Qual è la cosa migliore che mi ha dato questo progetto? Mi ha insegnato a tenere aperti tutti i miei canali sensoriali e ad aprirmi alle percezioni” ha detto.

Oggi le donne amministrano il 70 per cento delle spese delle famiglie e a livello globale controllano complessivamente una spesa nei consumi pari a 20mila miliardi di dollari. Le donne di conseguenza rappresentano un’economia più grande di Stati Uniti, Cina e India messe insieme, e la loro maggiore partecipazione ai risultati in campo economico porta a crescita economica e comunità sane.

Un’altra donna che ha preso parte al My Sister Project, Ayfer Dağdeviren, ha detto di aver condiviso quanto appreso con chiunque, tra le sue parenti, riteneva che potesse trarne beneficio. “Ho condiviso quanto ho imparato con le mie figlie, mia sorella e mia cognata. Anche se non hanno preso parte al programma di formazione, le ho aiutate indirettamente a trarne beneficio anche loro. Sono molto contenta di aver preso parte a questo progetto. Adesso posso dire che ne abbiamo beneficiato io e le persone a me più care”.

Merve, studentessa universitaria che è venuta a conoscenza del progetto da sua madre, dice che per lei si è trattato di una novità assoluta e ha manifestato soddisfazione nei confronti dell’esperienza. “Sono rimasta molto colpita dagli esempi che i nostri insegnanti ci hanno riportato durante tutto il corso in relazione alle loro vite. Spero di riuscire anch’io un giorno ad avere un successo simile”.

My Sister Project ha offerto anche oltre 200 ore di formazione in sette province a 17 partecipanti a vario titolo. L’iniziativa ha interessato un’area di 12mila chilometri e continuerà a espandersi in tutta la Turchia, per cercare di avere un’influenza positiva sulla vita di centinaia di altre donne, per sostenerle e invitarle a dare una svolta al corso della loro vita.