Chi lo odia non ne tollera neanche  l’odore, ma chi lo ama lo metterebbe dappertutto! Stiamo parlando del formaggio, uno degli prodotti più invitanti della tradizione culinaria italiana, che non può mancare nelle ricette pasquali di ogni regione. Grazie alla sua versatilità, il formaggio è un ingrediente fondamentale per i piatti del giorno di Pasqua o del pic-nic di Pasquetta.

Questa settimana l’appuntamento con le ricette pasquali scelte per Coca-Cola dalla redazione di Agrodolce.it è dedicato a due specialità da servire come aperitivo o antipasto: i fiadoni abruzzesi e la torta umbra al formaggio. Come sempre troverete queste ricette sulle etichette delle bottiglie in PET di Coca-Cola e sul sito Coca-Cola.Agrodolce.it.

 

Fiadoni abruzzesi

Ricetta tipica pasquale dell’Abruzzo, i fiadoni sono una via di mezzo tra i ravioli e i panzerotti, perché contengono gli ingredienti della pasta fresca, ma si mangiano caldi o freddi, come un antipasto, un aperitivo o come un finger food perfetto per il pic-nic di Pasquetta. La pasta è composta da un impasto a base di farina, uova, olio e vino, mentre il ripieno contiene uova e diversi tipi di formaggi a pasta dura. Prima di infornarli, praticate sulla superficie dei fiadoni un piccolo taglio con le forbici che permette al formaggio di fuoriuscire durante la cottura formando la caratteristica goccia.

Risalente al XVI secolo, la ricetta dei fiadoni è riportata nei ricettario del famoso cuoco ferrarese Messisbugo e si è diffusa in Abruzzo, perché la versione originale conteneva lo zafferano, coltivato nel territorio de L’Aquila. Tutt’ora in questa zona c’è l’usanza di insaporire il ripieno con lo zafferano, mentre altre versioni prevedono l’aggiunta di salsiccia o salame. I fiadoni possono anche essere dolci con ripieno a base di ricotta, zucchero e scorza di limone o cannella, da arricchire ulteriormente con uvetta e canditi.

Ingredienti per 4 persone

Farina d'avena 330

Uova 5

Olio extravergine di oliva 75 ml

Vino bianco 75 ml

Formaggio rigatino 100 g

Pecorino 100 g

Parmigiano reggiano 100 g

Tuorlo 1

Lievito di birra 3 g

Formate la classica fontana con la farina e versatevi 2 uova, un pizzico di sale, il vino bianco e l'olio. Impastate fino a ottenere un composto liscio e morbido e lasciate riposare.

In una ciotola sbattete le uova rimaste, incorporate i formaggi grattugiati e il lievito.

Stendete la pasta sottile. Tagliate dei dischi di circa 8 cm e mettete al centro un cucchiaino di ripieno, poi richiudete dando una forma a mezzaluna. Dopo aver sigillato bene i bordi, fate un piccolo taglio con le forbici al centro della mezzaluna. Spennellate con il tuorlo e cuocete a 180°C per 20 minuti.

Torta umbra al formaggio

torta umbra al formaggio
La torta umbra al formaggio realizzata da Agrodolce.it

La torta al formaggio o pizza di Pasqua è un piatto tipico dell’Umbria, diffuso anche nelle Marche, dove si chiama anche crescia, e in diverse zone del centro Italia. Oltre a essere soffice come una torta dolce, la pizza di Pasqua è molto saporita, grazie alla presenza di formaggi stagionati, come parmigiano e pecorino, e formaggi filanti a cubetti, abbondante pepe, olio extravergine d’oliva e uova. Se volete seguire la tradizione alla lettera, consumate la torta al formaggio la mattina di Pasqua accompagnandola con salumi e uova sode benedette. In alternativa potete servirla da sola come antipasto o come aperitivo. Buonissima anche fredda, è perfetta per il pic-nic di Pasquetta. Per la cottura usate una teglia dai bordi molto alti, tra i 10 e i 12 centimetri, preferibilmente di alluminio.

Ingredienti per 4 persone

Farina 00 350 g

Parmigiano reggiano 65 g

Groviera 65 g

Pecorino 50 g

Lievito di birra 14 g

Latte 100 ml

Olio extravergine di oliva 65 ml

Uova 3

Sale 7 g

Amalgamate farina, parmigiano e pecorino grattugiati e disponeteli a fontana mettendo al centro le uova. Aggiungete l’olio e il lievito, dopo averlo stemperato nel latte tiepido.

Impastate per circa 15 minuti, fino a ottenere un composto omogeneo. Unite sale, pepe e il gruviera a cubetti e lavorate il tutto. Se preferite, potete usare l'impastatrice.

Trasferite l’impasto in una teglia precedentemente unta con i bordi alti circa 10 - 12 cm.

Attenzione: la pasta non deve superare la metà della teglia. Cuocete a 180°C per circa 40 minuti o finché la superficie non sarà dorata. 

Leggi qui le ricette di Valle d'Aosta e Puglia

Leggi qui le ricette di Liguria e Basilicata

Leggi qui le ricette di Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige

Leggi qui le ricette di Piemonte e Marche