Un'unica città e due squadre leggendarie: benvenuti a Milano, patria di due tifoserie rivali tra le più agguerrite al mondo.
Quando i rossoneri dell’A.C. Milan incontrano i neroazzurri dell’F.C. Inter, la città si ferma con il fiato sospeso, in attesa del più grande derby cittadino del mondo dello sport.
Amici e parenti diventano nemici. I negozi chiudono le porte ai clienti avversari. La dimensione quasi spirituale dell’antagonismo si ritrova tutta nel soprannome dell’incontro: il Derby della Madonnina, in onore della statua sulle guglie del celebre Duomo cittadino.
Nell’ultimo derby, il 23 novembre 2014, le due squadre hanno pareggiato con una rete a testa. Questa volta, però, è andata un po’ diversamente dal solito, grazie allo sforzo di Coca-Cola nel gettare ponti e seminare buoni propositi tra le tifoserie milanesi.
Un video mostra i risultati dell’esemplare esperimento condotto nel dicembre 2013 quando Coca-Cola ha installato due distributori automatici nei settori delle opposte tifoserie allo stadio di San Siro, una all’ingresso interista, l’altra nella curva del Milan.
Ma non si trattava di distributori convenzionali. Le macchine erano collegate fra loro con un impianto audio-video e, invece di rilasciare una bottiglia di Coca-Cola a chi schiacciava il bottone da una parte, la regalavano a un tifoso dell’altra squadra, dal lato opposto dello stadio. Proprio così: premendo un pulsante, un milanista poteva offrire una Coca-Cola al “nemico” interista di fronte all’altro distributore, e viceversa.
E fu così che gentilezza e fair play ebbero la meglio, e a Milano scoppiò la pace… Tifosi entusiasti si offrivano bottiglie di Coca-Cola da un distributore all’altro, ridendo, scherzando e condividendo messaggi tramite il collegamento video. In meno di un’ora, entrambi i distributori erano a secco. Il fair play e la solidarietà avevano già trionfato, prima ancora del fischio di inizio.
Mentre le squadre si preparavano alla partita di ritorno il 4 maggio, Coca-Cola Italia ha diffuso il filmato, per incoraggiare un’improbabile ondata di affetto tra le tifoserie rivali. Uno speciale evento Facebook  ha creato un’atmosfera di aspettativa generale senza rivelare i particolari del video; nel frattempo, con l’hashtag #ShareTheDerby la voce si è diffusa anche su Twitter.
Il video, che ha avuto oltre 690.000 visualizzazioni, si inserisce all’interno della campagna “Share the Good”, con cui Coca-Cola dà spazio alle «buone azioni» e ai «buoni esempi» che la gente comune – come ognuno di noi – compie tutti giorni. L’idea del video a Milano è stata ispirata da “Small World Machines”, un esperimento condotto da Coca-Cola per abbattere le barriere e creare momenti di condivisione tra India e Pakistan: distributori automatici ad alta tecnologia installati nei due Paesi hanno dimostrato che ciò che unisce è più forte di ciò che divide. Il team italiano ha calato il concept nel nostro Paese, puntando sul calcio e sull’accanita rivalità tra tifoserie come elemento da cui partire per avvicinare gli italiani.
Questo dimostra che idee semplici e intuizioni legate alla quotidianità possono coinvolgere e motivare,  regalandoci momenti di felicità da condividere insieme” ha commentato Fabrizio Nucifora, Direttore Marketing di Coca-Cola Italia. “Protagonista, in questo caso, è il calcio che - con i suoi valori di partecipazione, passione per i colori della propria squadra, fair play, divertimento e attività fisica – interpreta alla perfezione i messaggi che Coca-Cola vuole promuovere”.
Claudia Navarro, Marketing Communications Director per Coca-Cola Central &Southern Europe, ha dichiarato che la campagna è un bell’esempio di come Coca-Cola coinvolga i consumatori in iniziative basate su verità e valori universali.
Per Coca-Cola, questo valore universale è la positività”, ha affermato. “Vediamo sempre il mondo, con le sue tensioni, con quel che ci accade attorno, attraverso la lente dell’ottimismo. Queste sono le storie che la gente vuole ascoltare, raccontare e, soprattutto, condividere".